Cerca
  • Sara Borghi

🥣 Prevenire l'insorgenza del Diabete di Tipo 2 con la Quinoa


Prevenire l'insorgenza del Diabete Tipo 2 con la Quinoa

Uno studio recente ha rilevato che nei prediabetici i livelli di zucchero nel sangue aumentano meno dopo i pasti ricchi di quinoa.


Secondo i ricercatori questo potrebbe essere "cruciale" per prevenire l'insorgenza del diabete di tipo 2.


537 milioni di persone nel Mondo soffrono di diabete. Più di 61 milioni in Europa.


Entro il 2045 questa cifra salirà a 69 milioni.

  • Popolazione totale adulta: 45.137.700

  • Prevalenza del diabete negli adulti: 9,9%

  • Casi totali di diabete negli adulti: 4.470.300

In particolare, per quanto riguarda il diabete di tipo 2, in base ai dati resi pubblici dal Ministero della Salute scopriamo che:


"Il diabete di tipo 2 rappresenta circa il 90% di tutti i casi di diabete; si presenta in genere in età adulta (circa i 2/3 dei casi di diabete interessano persone di oltre 64 anni), anche se negli ultimi anni, un numero crescente di casi viene diagnosticato in età adolescenziale, fatto questo correlabile all’aumento dei casi di obesità infantile.
Gli italiani affetti da diabete tipo 2 sono circa il 5% della popolazione, cioè oltre 3 milioni di persone. Si stima, tuttavia, che a questo numero possa aggiungersi circa 1 milione di persone che hanno la malattia ma ancora non lo sanno."

Il diabete di tipo 2, inoltre, colpisce circa 2 milioni di persone in Gran Bretagna e 37 milioni negli Stati Uniti.


Una ricerca suggerisce che mangiare quinoa ogni giorno potrebbe aiutare a prevenire il diabete di tipo 2.


Gli esperti spagnoli hanno testato gli effetti del "superalimento" reclutando nove persone di età superiore ai 65 anni affette da pre-diabete.


Il pre-diabete si verifica quando i livelli di zucchero nel sangue sono più alti del normale, ma non ancora tali da essere diagnosticati formalmente come diabete di tipo 2.


Ai volontari sono stati consegnati tre volte al giorno pasti che sostituivano patate, riso o legumi con la quinoa.


Nello stesso periodo sono stati somministrati loro alimenti a base di farina di quinoa, tra cui pasta, dolci, pane e cracker.


Il monitoraggio della glicemia ha mostrato che i picchi di zucchero dopo aver mangiato durante la dieta speciale erano più bassi.


È emerso che coloro che mangiavano i cereali ricchi di sostanze nutritive avevano picchi di glucosio nel sangue più bassi dopo i pasti.


Il grafico mostra i livelli di zucchero nel sangue dopo un pasto nelle persone che:

  • seguono una dieta normale (linea nera) e

  • una dieta ricca di quinoa (linea rossa)

I ricercatori hanno detto che questo potrebbe essere "cruciale" per prevenire il diabete di tipo 2.


Si ritiene che il contenuto di micronutrienti della quinoa, rispetto al pane, al riso o alle patate, contribuisca a rallentare il processo di digestione, causando un più lento aumento del glucosio.


Il 70% dei pre-diabetici sviluppa poi la patologia vera e propria, che può uccidere se non viene gestita.


Attualmente i medici raccomandano alle persone affette di modificare la propria dieta e di fare più esercizio fisico per perdere peso, al fine di prevenire l'insorgenza del tipo 2.


Lo studio, pubblicato su Nutrients, ha seguito nove prediabetici per otto settimane per vedere come il cambiamento della loro dieta per includere la quinoa - ricca di folato, magnesio, zinco e ferro - avesse un impatto sulla loro condizione.


Per le prime quattro settimane è stato chiesto loro di mantenere la dieta abituale, registrando peso e indice di massa corporea.


Hanno registrato ciò che mangiavano e sono stati dotati di un sistema di monitoraggio del glucosio Sinocare, che tiene traccia dei livelli nel sangue per tutto il giorno.


Il 28° giorno, i ricercatori hanno prelevato campioni di sangue per verificare l'aumento dei livelli di zucchero nel sangue dopo un digiuno di otto ore.


Per le quattro settimane successive, lo studio è stato ripetuto, ma i volontari sono passati alla dieta a base di quinoa.


Lo studio, tuttavia, non specificava la quantità di quinoa mangiata da ciascun individuo nel corso delle quattro settimane.


Il dottor Diaz Rizzolo, della Open University of Catalonia di Barcellona, ha dichiarato:


"Abbiamo confrontato l'andamento degli zuccheri nel sangue e abbiamo scoperto che quando i partecipanti avevano mangiato quinoa, il loro picco glicemico era più basso rispetto alla loro dieta abituale. Questo è un aspetto cruciale perché i picchi glicemici dopo i pasti sono un fattore determinante nella progressione del diabete di tipo 2".

Si ritiene che i polifenoli contenuti nella quinoa siano la ragione per cui il suo consumo può contribuire a ridurre i picchi glicemici.


Il micronutriente, presente anche nella maggior parte delle verdure, della frutta e dei tè, aiuta a rallentare la digestione dei carboidrati.


Inoltre, riduce l'assorbimento del glucosio nell'intestino e stimola il pancreas a produrre insulina - invertendo l'effetto del diabete di tipo 2.


Quando si mangiano carboidrati, il cibo viene scomposto in zucchero nel sangue.


Il pancreas rilascia quindi l'insulina, che permette al glucosio di entrare nelle cellule del corpo.


Con il tempo, però, i livelli elevati di zucchero nel sangue possono causare una resistenza all'insulina.


Poiché l'insulina non è altrettanto efficace nello scomporre gli zuccheri, l'organismo ne produce sempre di più.


Alla fine il pancreas si esaurisce, mandando in tilt il sistema e facendo sì che i livelli di zucchero nel sangue rimangano alti.


Se necessiti di una consulenza mirata da parte di un dietologo professionista, contattaci!


Saremo molto felici di aiutarti a raggiungere i tuoi obiettivi di benessere.

 

SARA BORGHI


Sara si occupa di comunicazione e marketing digitale dal 2010.


Nel 2020 ha completato il corso “Mental Fitness & Wellbeing“ tenuto da Phil Dobson, fondatore di Brain Workshops e autore dell'acclamato bestseller internazionale “The Brain Book: How to Think and Work Smarter”.


È una grande appassionata di montagna, sport e crescita personale.



8 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti