Cerca
  • Sara Borghi

IL PARERE DI UNA PROFESSORESSA UNIVERSITARIA SUI SUPERFOOD

I ricercatori si chiedono se i cosiddetti "superalimenti" facciano davvero bene come si sostiene e, in caso affermativo, come dovrebbero essere consumati nell'ambito di una dieta equilibrata.

Indice

Introduzione


Tutti hanno sentito il buon vecchio detto: "Una mela al giorno toglie il medico di torno".


È una frase che suggerisce che le mele sono state forse le prime a essere etichettate come "superfood", molto prima che questo termine diventasse popolare.


Ma oggi non passa settimana senza che un nuovo alimento faccia tendenza sui social media, promettendo di offrire sorprendenti benefici per la salute.


Tra i trend più recenti ci sono la quinoa, i semi di chia e il cavolo nero.


La cosa più importante, però, è capire se mangiare qualcosa come il cavolo riccio quattro volte alla settimana favorisce davvero la salute delle ossa.


Negli ultimi tempi sempre più ricercatori stanno approfondendo il tema dei superfood, in ottica di sfatare miti e di fare emergere la verità.


L'esperta di alimentazione e nutrizione Jayashree Arcot della Scuola di Ingegneria Chimica dell'UNSW, in Australia, afferma che il termine "superfoods" viene talvolta utilizzato in modo approssimativo dai "guru del lifestyle".


Sebbene non esista una definizione universalmente condivisa di "superalimenti", si è consapevoli dei benefici per la salute dovuti alla presenza di sostanze e composti bioattivi in essi contenuti.

"Scientificamente, non esiste un superalimento: si tratta fondamentalmente di alimenti ricchi di sostanze nutritive o di composti che hanno proprietà che possono avere un impatto sulla salute, ma con un'etichetta evidente."

afferma la Arcot.


E prosegue:

"Tuttavia, il termine può purtroppo indurre le persone a pensare che certi alimenti abbiano incredibili proprietà nutrizionali e salutari e che il loro consumo possa risolvere ogni problema di salute. Sebbene non esista un unico gruppo di alimenti che racchiuda la chiave per ottenere grandi benefici per la salute, sappiamo che alcuni cibi sono migliori di altri. Quando diventiamo più attenti alla nostra salute, naturalmente cominciamo a prestare maggiore attenzione a ciò che mangiamo.
Il cibo da solo non può risolvere i problemi di salute, ma può svolgere un ruolo importante nell'ambito di un piano di trattamento olistico. Se l'obiettivo è perdere peso, il consumo di un superfood come i mirtilli non è sufficiente a raggiungere l'obiettivo.
Tuttavia, è necessario trovare l'equilibrio della giusta combinazione di questi alimenti e in quantità moderate, affinché abbiano un qualche tipo di impatto sulla salute".

E come darle torto?


Ogni alimento puó essere "super"

ogni alimento può essere un superfood

Prima che il termine "superalimenti" diventasse di moda, circa 5-10 anni fa, nella comunità alimentare e salutistica si usava l'espressione "alimenti funzionali".


Gli alimenti funzionali sono utilizzati nel contesto degli alimenti che sono benefici dal punto di vista fisiologico e che possono ridurre il rischio di sviluppo di malattie grazie all'aggiunta o alla rimozione di alcuni nutrienti.


In seguito, è stato introdotto il termine "superalimenti" per descrivere gli alimenti con benefici mirati per la salute.


Tuttavia, la Arcot sostiene che ogni alimento può essere classificato come funzionale, poiché tutti hanno un qualche effetto sull'organismo.


Sappiamo - ad esempio - che bere latte, che ha un'alta concentrazione di calcio, è ottimo per rafforzare le ossa e i denti, o che mangiare cibi ricchi di vitamina A fa miracoli per la salute degli occhi.


Da un lato, gli alimenti ricchi di grassi vengono solitamente evitati per il rischio di aumentare il colesterolo.


Ma questo diventerebbe molto importante per chi è già ad alto rischio, perché sappiamo che ci sono anche grassi buoni come l'avocado e i semi di chia, che sono tipicamente riconosciuti come superfood.


Il cavolo riccio è un altro degli alimenti più comunemente citati quando si parla di superfood.


Sebbene diversi studi abbiano dimostrato che il cavolo riccio contiene un potenziale antiossidante e anticancerogeno, mancano ancora prove scientifiche per concludere che il consumo di cavolo riccio apporti maggiori benefici alla salute rispetto ad altre verdure crucifere come il cavolfiore.


Detto ciò, se iniziate a mangiare molto cavolo, nessuno vi dirà che vi fa male.


A meno che non siate persone inclini ai calcoli renali, per esempio, allora probabilmente state assumendo troppi ossalati, un composto che si trova nelle verdure a foglia e che si consiglia di ridurre nella dieta.


Non esiste un approccio unico per tutti!


I superalimenti possono ancora venire in aiuto?


Secondo la Prof. Arcot, dobbiamo prestare molta attenzione al profilo nutrizionale dell'alimento per determinare se è adatto al problema di salute che stiamo affrontando.


"È innegabile che avere una dieta equilibrata sia utile per la salute generale di una persona", afferma l'esperta.


Per esempio, la dieta mediterranea è un piano alimentare sano per il cuore che include alimenti come cereali integrali, frutta, verdura e frutti di mare, e si ritiene che sostenga la funzione cerebrale e promuova la salute del cuore.


I composti presenti in alcuni alimenti possono potenzialmente prevenire o ritardare l'insorgenza di alcune malattie croniche, come le coronaropatie, che hanno alla base reazioni infiammatorie nell'organismo.


Lamponi, mirtilli, more e mirtilli rossi sono un concentrato nutrizionale di vitamine, minerali, fibre e antiossidanti e, sebbene queste proprietà possano affrontare l'infiammazione, non possono essere definiti superfoods in quanto sono necessari studi di controllo randomizzati per valutare la loro efficacia nel ridurre l'infiammazione.


Conclusioni


Uno dei più recenti "superalimenti" è la curcuma, una spezia comunemente usata in cucina, che contiene un potente composto chiamato curcumina, noto per le sue potenti proprietà antinfiammatorie.


Ma quanta quantità di questo composto dobbiamo effettivamente consumare prima che abbia qualche effetto sull'organismo?


La Arcot giustamente afferma che si tratta di un settore complesso e che sono necessarie ulteriori ricerche per scoprirlo.

"A volte i composti di cui abbiamo bisogno esistono solo in quantità minime negli alimenti che mangiamo"

spiega l'esperta, e aggiunge:

"C'è ancora molta strada da fare in termini di ricerca prima di conoscere le quantità esatte necessarie per apportare questo tipo di cambiamenti nell'organismo. Ma sappiamo che gli effetti possono essere cumulativi nel tempo."

Si tratta di prevenire le malattie e una dieta sana con gli alimenti giusti contribuisce al benessere generale.


Se necessitate di una consulenza specifica oppure volete saperne di più su come integrare in modo equilibrato i superfood all'interno del vostro piano alimentare, contattateci!

 

SARA BORGHI


Sara si occupa di comunicazione e marketing digitale dal 2010.


Nel 2020 ha completato il corso “Mental Fitness & Wellbeing“ tenuto da Phil Dobson, fondatore di Brain Workshops e autore dell'acclamato bestseller internazionale “The Brain Book: How to Think and Work Smarter”.


È una grande appassionata di montagna, sport e crescita personale.

2 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti