Cerca
  • Sara Borghi

QUANDO MANGIARE, DORMIRE E FARE ESERCIZIO FISICO SECONDO L'AYURVEDA


Indice

Introduzione


Se avete mai partecipato a un safari guidato in qualche paese esotico, forse avrete sentito la guida parlarvi dei tipi di animali che è più probabile avvistare nelle diverse ore del giorno.


La maggior parte dei mammiferi del pianeta non ha un cervello evoluto come quello di noi umani, ma ha certamente conservato la propria intelligenza circadiana.


La scienza ayurvedica si basa su questo principio tratto dall'antico testo indiano Yajur Veda:


"Yatha Brahmande, Tatha Pinde; Yatha Pinde, Tathe Brahmande".

"Come è l'universo, così è il corpo umano; come è il corpo umano, così è l'universo".


Ciò significa che l'universo esterno a noi imita i modelli interni a noi e viceversa.


Esaminando semplicemente i cicli del sole, possiamo capire cosa sta accadendo all'interno del nostro corpo e, di conseguenza, possiamo determinare quale attività è più adatta a un determinato momento della giornata.


In questo senso, l'Ayurveda parlava dell'importanza dei ritmi circadiani molto prima che venisse coniato il termine "circadiano".


Secondo l'Ayurveda, infatti, ogni giornata è suddivisa in sei fasi uniche adatte a specifiche attività.


Vediamo quali sono e come ottimizzarle.


Dalle 6.00 alle 10.00 (fase kapha del mattino)


Il sole sta sorgendo e la Terra sta appena iniziando le sue attività metaboliche.


Bagnato di rugiada, il pianeta è ancora fresco per l'effetto della luna.


Allo stesso modo, il nostro corpo e il suo ambiente digestivo sono umidi e fiacchi, con congestione nasale, occhi un po' sporchi e persino rigidità delle articolazioni.


Pertanto, l'obiettivo è riscaldare il corpo e metterlo in moto.


Questa è la finestra temporale ideale per il Vyayam, o esercizio fisico. L'esercizio fisico in altri momenti della giornata può potenzialmente aggravare vata.


Al mattino, invece, stimola l'intestino, riscalda le articolazioni e mette in moto tutti i fluidi corporei.


L'Abhyanga, o un leggero massaggio con olio, prima del Vyayam può ridurre il rischio di lesioni e aumentare i benefici dell'esercizio.


Per colazione, secondo l'Ayurveda potreste consumare qualcosa di caldo e leggermente speziato, come un porridge con cannella.


Questi alimenti favoriscono il riscaldamento interno.


I frullati e le bevande fredde, se consumati di prima mattina, smorzano ulteriormente l'intestino e potrebbero dare l'illusione di essere sazi, dato che il fuoco digestivo diminuisce (agni), ma a lungo andare potrebbe danneggiare i batteri dell'intestino.


Dalle 10.00 alle 14.00 (l'ora del giorno di pitta)


Quando il sole raggiunge il suo picco, tutto si accende e l'attività metabolica diurna è massima.


Questo rende le persone naturalmente più produttive e anche più affamate.


Con l'agni che danza al meglio, l'ora di pranzo è l'occasione per consumare i pasti più abbondanti e concedersi un po' di relax.


Dalle 14.00 alle 18.00 (il momento vata della giornata)


Quando il sole inizia la sua discesa, l'energia fresca e ventosa si diffonde sul pianeta.


Spesso infatti sbadigliamo e ci stiracchiamo per eliminare il vento intrappolato (vata), e potrebbe subentrare anche un po' di nervosismo.


Il desiderio di rimanere concentrati più a lungo rende appetibile la caffeina.


Ma la raccomandazione ayurvedica è di prendere un po' d'aria fresca, fare alcuni lunghi respiri profondi e bere un tè stimolante alla menta o al tulsi.


Inoltre, è bene riservare questo momento alle attività che richiedono meno concentrazione, in modo da poter iniziare a rilassarsi.


Dalle 18.00 alle 22.00 (il momento kapha della notte)


Quando il sole scompare gradualmente oltre l'orizzonte, scompare anche la nostra agni.


Prima dell'invenzione della lampadina, gli esseri umani consumavano naturalmente gli ultimi pasti prima del tramonto.


Per questo motivo, la cena dovrebbe essere anticipata e rappresentare il pasto più semplice e leggero della giornata.


In questo modo si onora l'agni serale, si lasciano molte ore per la digestione prima di andare a letto e si mantengono i ritmi naturali dell'organismo.


Per aiutare il corpo a rilassarsi durante questo periodo, è bene anche abbassare le luci, rallentare il ritmo e iniziare a prepararsi per andare a dormire.


Dalle 22.00 alle 2.00 (l'ora pitta della notte)


Gli esseri umani sono esseri diurni, il che significa che siamo destinati ad essere attivi durante il giorno e a rilassarci di notte.


Quando il sole tramonta, il nostro corpo inizia a prepararsi per la riparazione e il ripristino cellulare notturno.


È un momento di guarigione senza sforzo, finché si dorme.


Andare a letto il più vicino possibile alle 22.00 e dare priorità a un sonno di alta qualità con pochi risvegli ci permette di trarre vantaggio da questo periodo di guarigione potenziata.


Dalle 2.00 alle 6.00 del mattino (il periodo vata della notte)


Il corpo ha terminato la riparazione cellulare, la digestione è completa e c'è una naturale leggerezza (vata).


Improvvisamente, i pattern del sonno diventano leggeri, rendendo più difficile riaddormentarsi se si viene svegliati in queste ore.


Non solo, ma lo spazio appena creato può anche far insorgere l'ansia, a meno che non si abbia qualcosa di meglio da fare.


È meglio rimanere addormentati durante queste ore, ma in caso contrario la meditazione, il lavoro sul respiro e la recitazione di una preghiera o di un mantra sono i più efficaci per mettere a terra il sistema nervoso e utilizzare i modelli di onde cerebrali ad alta frequenza del mattino.


Quando l'orologio segna di nuovo le 6 del mattino, torniamo alla fase kapha del mattino e il ciclo si ripete.


Conclusioni


La scienza moderna sta scoprendo ciò che l'Ayurveda ha sempre saputo: alcune parti del corpo sono più attive in determinati momenti della giornata e supportano attività specifiche.


Lavorare con i nostri ritmi circadiani innati significa nuotare con la marea del giorno e preservare l'energia, quindi la vita.


Libri consigliati

"Ayurveda pratico. Scopri chi sei e ciò di cui hai bisogno per portare equilibrio nella tua vita" di Sivananda Yoga Vedanda Centre (a cura di), Aurora Gritti (Illustratore), Keith Hagan (Illustratore), Laura Edwards (Fotografo)








"Ayurveda. Vita, salute e longevità" di E. Robert Svoboda(Autore), E. Svaluto(Traduttore)

















 

SARA BORGHI


Sara si occupa di comunicazione e marketing digitale dal 2010.


Nel 2020 ha completato il corso “Mental Fitness & Wellbeing“ tenuto da Phil Dobson, fondatore di Brain Workshops e autore dell'acclamato bestseller internazionale “The Brain Book: How to Think and Work Smarter”.


È una grande appassionata di montagna, sport e crescita personale.

3 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti