Cerca
  • Francesco Colelli

🌈 Dieta per la Tiroide di Hashimoto

Aggiornamento: 17 ago


Tiroide di Hashimoto

INDICE

 

Introduzione


La tiroidite di Hashimoto - talvolta indicata come malattia di Hashimoto o Hashimoto - è uno dei disturbi della tiroide più comuni nei paesi sviluppati.


Anche se trattati con farmaci, i suoi sintomi possono influire significativamente sulla qualità della vita.


Le ricerche dimostrano che le modifiche alla dieta e allo stile di vita, oltre ai farmaci standard, possono migliorarne drasticamente i sintomi.


Ogni persona affetta da tiroidite di Hashimoto risponde in modo diverso al trattamento, motivo per cui è così importante un approccio individualizzato per questa patologia.


Oggi vorremmo approfondire quali sono le modifiche alla dieta e allo stile di vita che possono dare maggiori benefici ai soggetti affetti da tiroidite di Hashimoto.


Cos'e' la tiroidite di Hashimoto


La tiroidite di Hashimoto è una condizione autoimmune che distrugge gradualmente il tessuto tiroideo attraverso i linfociti, che sono globuli bianchi che fanno parte del sistema immunitario.


La tiroide è una ghiandola endocrina a forma di farfalla situata alla base del collo. Secerne ormoni che influenzano quasi tutti gli organi, compresi cuore, polmoni, scheletro, sistema digestivo e nervoso centrale.


Controlla anche il metabolismo e la crescita.


I principali ormoni secreti dalla tiroide sono la tiroxina (T4) e la triiodotironina (T3).


Alla fine, i danni a questa ghiandola portano a una produzione insufficiente di ormoni tiroidei.

La tiroidite di Hashimoto è una condizione autoimmune che colpisce la tiroide, causando alla fine un'inadeguata produzione di ormoni.

Come la dieta e lo stile di vita influenzano l'Hashimoto


La dieta e lo stile di vita giocano un ruolo fondamentale nella gestione dell'Hashimoto, in quanto molti individui scoprono che i sintomi persistono anche con i farmaci.


Inoltre, a molte persone che presentano sintomi non vengono somministrati farmaci se non hanno livelli ormonali alterati.


Inoltre, la ricerca suggerisce che l'infiammazione può essere un fattore trainante dell'ampia gamma di sintomi dell'Hashimoto.


L'infiammazione è spesso legata alla dieta.


Le modifiche alla dieta e allo stile di vita sono altrettanto fondamentali per ridurre il rischio di altri disturbi, poiché le persone affette da tiroidite di Hashimoto hanno un rischio maggiore di sviluppare condizioni autoimmuni, colesterolo alto, obesità e diabete.


Le ricerche dimostrano che l'eliminazione di alcuni alimenti, l'assunzione di integratori e la modifica dello stile di vita possono migliorare significativamente i sintomi e la qualità della vita.


Inoltre, questi cambiamenti possono aiutare a ridurre l'infiammazione, a rallentare o prevenire i danni alla tiroide causati da anticorpi tiroidei elevati e a gestire il peso corporeo, la glicemia e i livelli di colesterolo.

Modifiche alla dieta e allo stile di vita possono ridurre significativamente i livelli di anticorpi, migliorare la funzione tiroidea e ridurre i sintomi causati dalla tiroidite di Hashimoto.

Consigli dietetici basati sull'evidenza


Ecco alcuni consigli alimentari basati sull'evidenza per aiutare a trattare la tiroidite di Hashimoto.


Diete senza glutine e senza cereali


Molti studi indicano che le persone affette da Hashimoto hanno maggiori probabilità di soffrire di celiachia rispetto alla popolazione generale.


Per questo motivo, gli esperti raccomandano che tutti i soggetti con diagnosi di Hashimoto siano sottoposti a screening per la celiachia.


Inoltre, alcune prove suggeriscono che le diete prive di glutine e cereali possono giovare alle persone affette da tiroidite di Hashimoto.


In uno studio di 6 mesi condotto su 34 donne affette da tiroidite di Hashimoto, una dieta priva di glutine ha ridotto i livelli di anticorpi tiroidei, migliorando al contempo la funzione tiroidea e i livelli di vitamina D, rispetto a un gruppo di controllo.


Molti altri studi rilevano che le persone affette da tiroidite di Hashimoto - o da malattie autoimmuni in generale - possono trarre beneficio da una dieta priva di glutine anche se non sono affette da celiachia.


Quando si segue una dieta senza glutine, si evitano tutti i prodotti a base di grano, orzo e segale.


Ad esempio, la maggior parte delle paste, dei pani e delle salse di soia contengono glutine, anche se esistono alternative senza glutine.


Una dieta priva di cereali è più restrittiva di una dieta priva di glutine, in quanto vieta tutti i cereali.


Sebbene anche questo cambiamento dietetico possa offrire benefici, le ricerche a suo sostegno sono limitate.


La dieta del Protocollo Autoimmune


La dieta del Protocollo Autoimmune (AIP) è pensata per le persone affette da malattie autoimmuni.


Essa elimina gli alimenti potenzialmente dannosi come:

  • cereali

  • latticini

  • zuccheri aggiunti

  • caffè

  • legumi

  • uova

  • alcol

  • noci

  • semi

  • zuccheri raffinati

  • oli e additivi alimentari

In uno studio di 10 settimane condotto su 16 donne affette da tiroidite di Hashimoto, la dieta AIP ha portato a miglioramenti significativi nei punteggi relativi alla qualità della vita e a una significativa riduzione dei livelli del marker infiammatorio proteina C-reattiva (CRP).


Sebbene questi risultati siano promettenti, sono necessari studi più ampi e di lunga durata.


Tenete presente che la dieta AIP è una dieta al eliminazione graduale e deve essere prescritta e monitorata da un professionista sanitario esperto.


evitate i latticini


L'intolleranza al lattosio è molto comune tra le persone affette da tiroidite di Hashimoto.


In uno studio condotto su 83 donne affette da tiroidite di Hashimoto, al 75,9% è stata diagnosticata un'intolleranza al lattosio.


Se si sospetta un'intolleranza al lattosio, l'eliminazione dei latticini può favorire i problemi digestivi, la funzionalità tiroidea e l'assorbimento dei farmaci.


Tenete presente che questa strategia potrebbe non funzionare per tutti, poiché alcune persone affette da Hashimoto tollerano perfettamente i latticini.


Includete gli alimenti antinfiammatori


L'infiammazione può essere una forza trainante della tiroidite di Hashimoto.


Per questo motivo, una dieta antinfiammatoria ricca di frutta e verdura può migliorare significativamente i sintomi.


Uno studio condotto su 218 donne affette da tiroidite di Hashimoto ha rilevato che i marcatori dello stress ossidativo - una condizione che causa l'infiammazione cronica - erano più bassi in coloro che mangiavano frutta e verdura con maggiore frequenza.


Verdure, frutta, spezie e pesce grasso sono solo alcuni esempi di alimenti con potenti proprietà antinfiammatorie.


Diete ricche di nutrienti e alimenti integrali


Seguire una dieta povera di zuccheri aggiunti e di alimenti altamente elaborati, ma ricca di alimenti integrali e pieni di sostanze nutritive, può aiutare a migliorare la salute, a gestire il peso e a ridurre i sintomi legati all'Hashimoto.


Quando è possibile, preparate i pasti a casa utilizzando alimenti nutrienti come verdura, frutta, proteine, grassi sani e carboidrati ricchi di fibre.


Questi alimenti offrono potenti benefici antiossidanti e antinfiammatori.


Altri consigli per la dieta


Alcune ricerche indicano che alcune diete a basso contenuto di carboidrati possono aiutare a ridurre il peso corporeo e gli anticorpi tiroidei nelle persone affette da tiroidite di Hashimoto.


Queste diete particolari forniscono il 12-15% delle calorie giornaliere dai carboidrati e limitano gli alimenti goitrogeni.


I goitrogeni sono sostanze presenti nelle verdure crucifere e nei prodotti della soia che possono interferire con la produzione di ormoni tiroidei.


Tuttavia, le verdure crucifere sono molto nutrienti e la cottura ne riduce l'attività gozzigena.


È quindi improbabile che interferiscano con la funzione tiroidea, a meno che non vengano consumate in quantità estremamente elevate.


Alcune prove suggeriscono che la soia danneggi anche la funzione tiroidea, per cui molte persone affette da Hashimoto scelgono di evitare i prodotti a base di soia.


Tuttavia, sono necessarie ulteriori ricerche.

L'assenza di glutine, l'assenza di latticini e l'adozione di una dieta antinfiammatoria ricca di sostanze nutritive sono solo alcuni dei consigli che possono migliorare i sintomi della tiroidite di Hashimoto.

Integratori utili per l'Hashimoto


Diversi integratori possono contribuire a ridurre l'infiammazione e gli anticorpi tiroidei nelle persone affette da tiroidite di Hashimoto.


Inoltre, è più probabile che i soggetti affetti da questa patologia siano carenti di alcuni nutrienti, per cui potrebbe essere necessaria un'integrazione.


Fra gli integratori benefici troviamo:

  • Selenio. Alcuni studi dimostrano che l'assunzione di 200 mcg di selenio al giorno può contribuire a ridurre gli anticorpi antitiroide perossidasi (TPO) e a migliorare il benessere delle persone affette da tiroidite di Hashimoto.

  • Zinco. Lo zinco è essenziale per la funzione tiroidea. Alcune ricerche suggeriscono che, se usato da solo o insieme al selenio, l'assunzione di 30 mg di zinco al giorno può migliorare la funzione tiroidea nelle persone affette da ipotiroidismo.

  • Curcumina. Studi sugli animali e sull'uomo hanno dimostrato che questo potente composto antinfiammatorio e antiossidante può proteggere la tiroide. Inoltre, può aiutare a trattare le malattie autoimmuni in generale.

  • Vitamina D. È stato dimostrato che le persone affette da tiroidite di Hashimoto hanno livelli significativamente più bassi di questa vitamina rispetto alla popolazione generale. Inoltre, alcuni studi collegano i bassi livelli di vitamina D alla gravità della tiroidite di Hashimoto.

  • Vitamine del complesso B. Anche le persone affette da tiroidite di Hashimoto tendono ad avere un basso livello di vitamina B12. L'assunzione di vitamine del complesso B di alta qualità aumenta i livelli di B12 e di altre importanti vitamine del gruppo B.

  • Magnesio. Bassi livelli di questo minerale sono associati a un maggior rischio di tiroidite di Hashimoto e a un aumento degli anticorpi tiroidei. Inoltre, correggere le carenze di magnesio può migliorare i sintomi nelle persone con malattie della tiroide.

  • Ferro. Le persone affette da tiroidite di Hashimoto hanno maggiori probabilità di sviluppare anemia. Può essere necessario assumere integratori di ferro per correggere una carenza.

Anche altri integratori, come l'olio di pesce, l'acido alfa-lipoico e la N-acetilcisteina, possono aiutare le persone affette da tiroidite di Hashimoto.


Si noti che l'integrazione con dosi elevate di iodio in assenza di una carenza di iodio può provocare effetti negativi nei soggetti affetti da Hashimoto.


Non assumete integratori di iodio ad alte dosi a meno che non vi sia stato indicato dal medico o dietologo.

Molti integratori vitaminici e minerali, tra cui zinco, vitamina D e magnesio, possono essere utili alle persone affette da tiroidite di Hashimoto.

Cibi consigliati per la tiroidite di Hashimoto


Se soffrite di tiroidite di Hashimoto, una dieta ricca di nutrienti può aiutarvi a ridurre la gravità dei sintomi e a migliorare la vostra salute generale.


Vi consigliamo in particolare i seguenti alimenti:

  • Frutti: frutti di bosco, pere, mele, pesche, agrumi, ananas, banane, ecc.

  • Verdure non amidacee: zucchine, carciofi, pomodori, asparagi, carote, peperoni, broccoli, rucola, funghi, ecc.

  • Verdure amidacee: patate dolci, patate, piselli, ghiande e zucche, ecc.

  • Grassi sani: avocado, olio di avocado, olio di cocco, olio di oliva, scaglie di cocco non zuccherato, yogurt intero, yogurt al cocco, ecc.

  • Proteine animali: salmone, uova, merluzzo, tacchino, gamberi, pollo, ecc.

  • Cereali senza glutine: riso integrale, avena, quinoa, pasta di riso integrale, ecc.

  • Semi, noci e burri di noci: anacardi, mandorle, noci di macadamia, semi di girasole, semi di zucca, burro di arachidi naturale, burro di mandorle, ecc.

  • Fagioli e lenticchie: ceci, fagioli neri, lenticchie, ecc.

  • Sostituti dei latticini e non (arricchiti con calcio e/o vitamina D): latte di cocco, yogurt di cocco, latte di mandorle, latte di anacardi, yogurt intero non zuccherato, formaggio di capra, ecc.

  • Spezie, erbe e condimenti: curcuma, basilico, rosmarino, paprika, zafferano, pepe nero, salsa, tahina, miele, succo di limone, aceto di sidro di mele, ecc.

  • Bevande: acqua, tè non zuccherato, acqua frizzante, ecc.

Tenete presente che alcune persone affette da tiroidite di Hashimoto evitano alcuni degli alimenti sopra citati, come i cereali e i latticini.


È importante sperimentare la propria dieta per scoprire quali alimenti funzionano meglio per voi.


Cibi da evitare


L'eliminazione o la limitazione dei seguenti alimenti può contribuire a ridurre i sintomi dell'Hashimoto e a migliorare la salute generale:

  • Zuccheri aggiunti e dolci: soda, bevande energetiche, torte, gelati, pasticcini, biscotti, caramelle, cereali zuccherati, zucchero da tavola, ecc.

  • Fast food e cibi fritti: patatine fritte, hot dog, pollo fritto, ecc.

  • Cereali raffinati: pasta bianca, pane bianco, tortillas di farina bianca, bagel, ecc.

  • Cibi e carni altamente lavorati: cene surgelate, margarina, cene al microonde, pancetta, salsiccia, ecc.

  • Cereali e alimenti contenenti glutine: grano, orzo, segale, cracker, pane, ecc.

Alcuni professionisti del settore sanitario suggeriscono alle persone affette da tiroidite di Hashimoto di evitare anche la soia e i latticini, e tutti i cereali.


Tuttavia, anche se queste raccomandazioni possono aiutare molti individui, è importante sperimentare con la propria dieta per trovare il metodo migliore per sé.


La collaborazione con un dietologo specializzato in malattie autoimmuni come la tiroidite di Hashimoto può aiutarvi a restringere il campo degli alimenti potenzialmente problematici e a impostare uno schema alimentare che vi aiuti a sentirvi al meglio.


Evitare gli zuccheri aggiunti, gli alimenti altamente elaborati e i cereali contenenti glutine può aiutare a ridurre i sintomi dell'Hashimoto e a migliorare la salute generale.

Altre modifiche dello stile di vita consigliate


Dormire a sufficienza, ridurre lo stress e praticare la cura di sé sono estremamente importanti per chi soffre di tiroidite di Hashimoto.


Infatti, uno studio condotto su 60 donne affette dalla malattia di Hashimoto ha rilevato che impegnarsi in pratiche di riduzione dello stress ha contribuito a ridurre la depressione e l'ansia, a migliorare la qualità generale della vita e a ridurre gli anticorpi tiroidei.


Anche lasciare che il corpo si riposi quando si sente affaticato è importante.


Inoltre, è meglio assumere i farmaci per la tiroide a stomaco vuoto almeno 30-60 minuti prima della colazione o almeno 3-4 ore dopo la cena per ottenere il massimo assorbimento.


Anche il caffè e gli integratori alimentari interferiscono con l'assorbimento dei farmaci tiroidei, quindi è meglio consumare solo acqua per almeno 30 minuti dopo l'assunzione del farmaco.


Tenete presente che, quando si inizia a prendere un farmaco, potrebbero essere necessarie alcune settimane o più per iniziare a sentirsi meglio.


Se i sintomi non migliorano, vi consigliamo di parlare con un professionista della salute di altre opzioni.


Poiché i sintomi della malattia di Hashimoto possono influire in modo significativo sulla qualità della vita e sulla salute mentale, è necessario trovare un'équipe sanitaria di fiducia.


Questo può richiedere un po' di tempo, ma è essenziale per ottenere il trattamento giusto.

Ridurre lo stress, riposare a sufficienza e praticare l'autocura sono essenziali per chi soffre di tiroidite di Hashimoto. È fondamentale anche trovare un professionista della salute di cui ci si fidi.

Cause della tiroidite di Hashimoto


Si pensa che la tiroidite di Hashimoto si sviluppi a causa di un difetto immunitario unito a fattori ambientali, anche se questi fattori non sono del tutto conosciuti.


La diagnosi dipende dai sintomi e dai risultati di laboratorio.


I risultati di laboratorio che indicano la tiroidite di Hashimoto comprendono livelli elevati di ormone stimolante la tiroide (TSH), bassi livelli di tiroxina libera (FT4) e un aumento degli anticorpi anti-perossidasi tiroidea (anti-TPO).


Alcune persone affette da tiroidite di Hashimoto presentano anche anticorpi bloccanti il recettore del TSH (TBII) e anticorpi antitiroglobulina (anti-Tg) elevati.


Questi anticorpi attaccano la ghiandola tiroidea.


La distruzione della tiroide da parte della malattia è intermittente.


Nelle fasi iniziali, le persone possono presentare sintomi e risultati di laboratorio che indicano un ipertiroidismo, o addirittura avere valori di laboratorio normali.


Per questo motivo, la tiroidite di Hashimoto è spesso difficile da individuare e i soggetti possono rimanere per mesi senza una diagnosi corretta.


Fino a un terzo delle persone trattate per ipotiroidismo non riceve un trattamento adeguato o corretto.


La tiroidite di Hashimoto colpisce sia le donne che gli uomini, ma le donne hanno una probabilità 5-10 volte maggiore di ricevere la diagnosi.


Il rischio aumenta con l'età e la maggior parte delle donne riceve la diagnosi tra i 30 e i 50 anni.


Per la popolazione generale, il picco di età per la tiroidite di Hashimoto è compreso tra i 45 e i 65 anni.


Questa condizione viene solitamente trattata con ormoni tiroidei sintetici o naturali.


Quelli sintetici comprendono la levotiroxina (Synthroid) e la liotironina (Cytomel), mentre quelli naturali includono Armour Thyroid e Nature Throid.


Sintomi della tiroidite di Hashimoto


Poiché la tiroidite di Hashimoto colpisce quasi tutti gli organi del corpo, è associata a una serie di sintomi.


Questi includono:

  • aumento di peso

  • estrema stanchezza

  • scarsa concentrazione

  • diradamento, capelli ruvidi

  • pelle secca

  • frequenza cardiaca lenta o irregolare

  • diminuzione della forza muscolare

  • respiro corto

  • diminuzione della tolleranza all'esercizio fisico

  • intolleranza al freddo

  • pressione sanguigna elevata

  • unghie fragili

  • stitichezza

  • dolore al collo o tensione alla tiroide

  • depressione e ansia

  • irregolarità mestruali

  • insonnia

  • modifiche alla voce

La tiroidite di Hashimoto non trattata o trattata in modo improprio può portare a gravi effetti collaterali, come un aumento del rischio di malattie cardiache, disturbi cognitivi e persino la morte.


I sintomi dell'Hashimoto variano molto e comprendono aumento di peso, affaticamento, intolleranza al freddo e costipazione. La condizione viene diagnosticata in base ai sintomi e ai risultati di laboratorio.

Per concludere


La tiroidite di Hashimoto è una condizione autoimmune comune che colpisce la tiroide.


Provoca numerosi sintomi che possono persistere anche se si assumono farmaci per la tiroide.


Le ricerche dimostrano che i cambiamenti nella dieta e nello stile di vita possono migliorare significativamente i sintomi e aumentare la salute generale.


Tuttavia, ogni persona affetta da tiroidite di Hashimoto è diversa dall'altra, quindi è fondamentale trovare uno schema alimentare adatto alle proprie esigenze.


Un dietologo o un medico specializzato in malattie autoimmuni può aiutarvi a trovare uno schema alimentare adatto a voi.

 

FRANCESCO COLELLI


Nutrizionista registrato presso la "British Association for Nutrition", Francesco è specializzato in "Human Nutrition and Wellbeing" e vanta oltre 5 anni di esperienza nell'ambito della nutrizione clinica e della telemedicina, a livello internazionale.






 

"I nostri articoli sono sottoposti a revisione e controllo medico da parte di specialisti certificati per garantire che tutte le affermazioni su condizioni mediche, sintomi, trattamenti e diete siano accurate e riflettano le linee guida attuali e le ultime ricerche scientifiche."


8 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti