Cerca
  • Sara Borghi

IL DIABETE: LA MALATTIA IN PIÚ RAPIDA CRESCITA AL MONDO


La malattia in piÚ rapida crescita al mondo: Il diabete

INDICE

 

Che cos'é il diabete?


Il diabete è una malattia cronica che colpisce il metabolismo del glucosio, caratterizzata da elevati livelli di glucosio nel sangue (glicemia alta).


Normalmente, dopo aver mangiato o aver vissuto una circostanza stressante, il livello di glucosio nel sangue aumenta.


Tuttavia, l'insulina, un ormone secreto dal pancreas, serve a trasportare il glucosio nelle cellule per produrre energia o per immagazzinarlo.


Lo zucchero (o glucosio) è una fonte di energia fondamentale per le cellule ed è tossico quando i suoi livelli sono elevati nel sangue per un periodo di tempo prolungato.


Livelli persistentemente elevati di glucosio nel sangue danneggiano i vasi sanguigni, il cuore, gli occhi, i reni e i nervi e indeboliscono l'immunità del nostro corpo contro le malattie.


Esistono due tipi principali:

  • Tipo 1, detto anche diabete insipido

  • Tipo 2, detto anche diabete mellito

Il tipo 1 è la più comune malattia cronica dell'infanzia, causata da una carenza di insulina dovuta alla distruzione delle sue cellule produttrici nel pancreas.


Il diabete di tipo 2, invece, è dovuto all'inefficacia dell'insulina e colpisce maggiormente la popolazione adulta.


Il diabete nel mondo


La Federazione Internazionale del Diabete (IDF) ha pubblicato nuovi dati che dimostrano che 537 milioni di adulti convivono oggi con il diabete nel mondo, con un aumento del +16% (74 milioni) rispetto alle precedenti stime IDF del 2019.


Questi nuovi dati evidenziano l'allarmante crescita della prevalenza del diabete nel mondo.


L'ultimo Atlante del diabete dell'IDF riporta che la prevalenza globale del diabete ha raggiunto il 10,5%, con quasi la metà (44,7%) degli adulti non diagnosticati.


Le proiezioni dell'IDF indicano che entro il 2045 783 milioni di adulti saranno affetti da diabete, ovvero uno su otto.


Si tratta di un aumento del +46%, più del doppio della crescita demografica stimata (20%) nello stesso periodo.


Il diabete nel mondo
Il diabete nel mondo

Di seguito i dati principali della 10a edizione dell'Atlante del diabete IDF includono:

  • Un adulto su dieci (10,5%) nel mondo è attualmente affetto da diabete

  • Si prevede che il numero totale salirà a 643 milioni (11,3%) entro il 2030 e a 783 milioni (12,2%) entro il 2045

  • Si stima che il 44,7% degli adulti affetti da diabete (240 milioni di persone) non abbia una diagnosi. Oltre 4 persone su 5 (81%) vivono in Paesi a basso e medio reddito.

  • Il diabete è stato responsabile di una spesa sanitaria globale stimata in 966 miliardi di dollari nel 2021. Ciò rappresenta un aumento del +316% negli ultimi 15 anni.

  • Escludendo i rischi di mortalità associati alla COVID-19, si stima che nel 2021 circa 6,7 milioni di adulti saranno morti a causa del diabete o delle sue complicanze. Si tratta di più di uno su dieci (12,2%) dei decessi globali per tutte le cause.

  • 541 milioni di adulti, pari al 10,6% degli adulti in tutto il mondo, hanno una ridotta tolleranza al glucosio (IGT), che li pone ad alto rischio di sviluppare il diabete di tipo 2.

Il diabete in Italia

Numero di persone affette da diabete in Italia dal 2010 al 2021 (in 1.000 persone)
Numero di persone affette da diabete in Italia dal 2010 al 2021 (in 1.000 persone)

Nel 2021, quasi 3,8 milioni di italiani soffrivano di diabete mellito.


Si tratta di un aumento considerevole rispetto al 2010, quando 2,9 milioni di individui erano affetti da questa malattia.


Il numero di casi ha oscillato lungo una tendenza generale all'aumento nei 10 anni considerati, prima di raggiungere il picco nel 2021.  


Epidemiologia del diabete mellito


Il numero di casi è direttamente correlato all'età dei pazienti.


Infatti, il diabete è molto più comune tra gli anziani che tra i giovani.


Nel 2021, circa 1,1 milioni di persone di età compresa tra 65 e 74 anni e circa 1,4 milioni di persone di età pari o superiore a 75 anni saranno affette da diabete mellito in Italia.


Il diabete è equamente distribuito tra uomini e donne.


Tuttavia, il numero di individui di sesso femminile deceduti a causa del diabete mellito pare sia superiore a quello degli uomini.


Nel 2019, infatti, oltre 11,7 mila donne sono morte di diabete.


Farmaci per il trattamento del diabete


In Italia, il valore delle vendite dei farmaci utilizzati per il trattamento del diabete è passato da 742,2 milioni di euro nel 2011 a 1,1 miliardi di euro nel 2020.


L'insulina - con una quota di mercato del 48,4% nel 2016 - è il principale farmaco utilizzato per il trattamento del diabete.


Fattori di rischio


Diabete di tipo 1:

  • Nascere come gemelli

  • Avere genitori affetti

  • Storia familiare di diabete di tipo 1

Diabete di tipo 2:

  • Età ≥45 anni

  • Indice di massa corporea [BMI] ≥25 kg/m2

  • Storia familiare di persone con diabete di tipo 2

  • Diabete mellito in un parente di primo grado

  • Stile di vita sedentario

  • Storia di diabete mellito gestazionale (diabete durante la gravidanza)

  • Ipertensione (pressione arteriosa ≥140/90 mmHg)

  • Aumento dei livelli di lipidi nel sangue

  • Sindrome dell'ovaio policistico

Come si presenta?


Indipendentemente dal tipo e dalle cause, il diabete presenta dei sintomi ben identificabili, altrimenti detti classici, quali:

  • Sete eccessiva

  • Aumento dell'appetito o della fame

  • Aumento della minzione

  • Perdita di peso

Altri sintomi possono essere:

  • Nausea, vomito e bruciore di stomaco

  • Stanchezza o mancanza di energia

  • Aumento di peso dovuto all'aumento dell'appetito

  • Alito dall'odore fruttato

  • Problemi di vista

  • Aumento della suscettibilità alle infezioni

  • Lenta guarigione di ferite o tagli

  • Sonnolenza, soprattutto nei bambini

  • Formicolio e intorpidimento dei piedi

  • Gonfiore dei piedi o del viso a causa della ritenzione idrica dovuta all'insufficienza renale.

Come viene diagnosticato il diabete?

Come viene diagnosticato il diabete?

Il diabete ha un approccio diagnostico ampiamente accettato.


Uno dei seguenti criteri è sufficiente per la diagnosi:

  • Glicemia a digiuno (dopo >8 ore senza mangiare) ≥126 mg/dL (7 mmol/L) in più di un'occasione

  • Glicemia casuale ≥200 mg/dL e sintomi classici

  • Test di tolleranza orale al glucosio (OGTT) positivo

  • Emoglobina glicata (A1C) ≥6,5%.

È possibile che il livello di glucosio nel sangue sia superiore alla norma in base a circostanze diverse e che non soddisfi i criteri di cui sopra per essere diabetico.


In tal caso, ci si trova nella fase pre-diabetica, uno stadio critico in cui è necessario fare tutto il possibile per cercare di invertire il decorso della malattia o ritardarne i sintomi.


Come si cura il diabete?


Il trattamento del diabete dipende dal tipo di diabete, dal suo stadio e dall'eventuale presenza di una malattia di base o di un fattore di rischio.


In generale, il trattamento è il seguente (la combinazione di queste opzioni è piuttosto comune):

  • Cambiamento dello stile di vita: introdurre cibi e bevande sane ed esercizio fisico regolare

  • Farmaci per via orale, noti anche come ipoglicemizzanti

  • Integrazione di insulina tramite iniezioni

Poiché si tratta di una malattia cronica, si consiglia vivamente di stabilire gli obiettivi di trattamento e le finalità delle opzioni di cui sopra con un medico o un nutrizionista per gestire meglio il diabete.


Recentemente, somministrare il bolo di insulina è diventato più pratico.


Infatti, grazie alla nuova funzione "Dose" dell'App mylifeTM , gli utenti del microinfusore mylife™ YpsoPump® possono programmare ed erogare i boli direttamente dal proprio cellulare, senza dover entrare nel microinfusore.


Un sistema di infusione continua, quello sviluppato da Ypsomed, che punta sulla praticità, per aumentare l'autonomia e la qualità di vita della persona con diabete, con ricadute positive anche sul lavoro degli operatori sanitari.


Il prossimo passo sarà quello di realizzare un sistema automatico di somministrazione dell'insulina che apprende e si adatta alle esigenze del singolo utente.


Come prevenire il diabete


Il diabete di tipo 2 è in gran parte prevenibile o ritardabile se si è predisposti geneticamente ad averlo, ad esempio se colpisce i familiari di primo o secondo grado.


Esiste una serie di azioni che, se eseguite con disciplina, i ricercatori hanno dimostrato essere efficaci.

  • Mangiare e bere sano: Significa che frutta e verdura dovrebbero riempire metà del tuo piatto e che è necessario ridurre le bevande zuccherate e alcoliche

  • Fare attività fisica regolare che faccia sudare per almeno 30 minuti tre volte alla settimana

  • Evitare l'uso a lungo termine di farmaci contenenti corticosteroidi

  • Tenere sotto controllo eventuali condizioni mediche di base.

Quali sono le conseguenze del diabete?


Quando viene diagnosticato il diabete, è importante gestirlo correttamente per evitare esiti che possono influire negativamente sulla vita e complicazioni talvolta anche fatali.


Secondo l'OMS e la Federazione Internazionale del Diabete (IDF), quasi il 3% della cecità globale può essere attribuito alla retinopatia diabetica.


Il diabete è anche tra le principali cause di insufficienza renale, riduzione del flusso sanguigno e danni ai nervi dei piedi.


Questo può portare a ulcere ai piedi, alle infezioni associate e a complicazioni come l'amputazione dell'arto, oltre che a problemi di salute gravi che durano tutta la vita.


Vale la pena ricordare che quando il livello di glucosio nel sangue è ben controllato e rimane nell'intervallo di normalità, il diabete non comporta grosse limitazioni nella vita.


Potrete praticare sport a livello professionale, portare a termine con successo una gravidanza e partorire un bambino normale e sano e avere un sistema immunitario forte.


Potrete fare praticamente tutto quello che può fare chi non ha il diabete, a patto che il diabete sia gestito correttamente e che vi impegniate nel trattamento.


Può essere difficile, ma possibile in tutti i sensi.


Si tratta di una questione di mente che prevale sul corpo e di modificare i comportamenti dello stile di vita, in particolare l'assunzione di cibo.


Quali sono i cibi che fanno bene al diabete?


Individuare i cibi migliori da mangiare quando si soffre di diabete non è necessariamente difficile.


L'obiettivo principale dovrebbe essere la gestione dei livelli di zucchero nel sangue.


È inoltre importante consumare alimenti che aiutino a prevenire le complicanze del diabete, come le malattie cardiache.


La dieta può avere un ruolo importante anche nella prevenzione del diabete.


Ecco i migliori alimenti per le persone affette da diabete, sia di tipo 1 che di tipo 2.


Fagioli


I fagioli sono ricchi di vitamine e minerali come il magnesio e il potassio.


Sono anche molto ricchi di fibre.


Contengono inoltre carboidrati, e una tazza e mezza fornisce anche tante proteine quanto un grammo di carne senza grassi saturi.


Per risparmiare tempo potete usare i fagioli in scatola, ma assicuratevi di scolarli e sciacquarli per eliminare quanto più possibile il sale aggiunto.


Verdure a foglia verde scuro


Spinaci, bietole e cavoli sono verdure a foglia verde scuro ricche di vitamine e minerali come le vitamine A, C, E e K, ferro, calcio e potassio.


Questi alimenti potenti sono anche poveri di calorie e carboidrati.


Avocado


Gli avocado hanno meno di 1 grammo di zucchero, pochi carboidrati, un alto contenuto di fibre e grassi sani.


Il consumo di avocado è anche associato a una migliore qualità complessiva della dieta e a una significativa riduzione del peso corporeo e dell'indice di massa corporea (BMI).


Ciò rende l'avocado uno spuntino ideale per le persone affette da diabete, soprattutto perché l'obesità aumenta le probabilità di sviluppare il diabete.


Gli avocado possono avere proprietà specifiche per la prevenzione del diabete.


Uno studio del 2019 sui topi ha scoperto che l'avocatina B (AvoB), una molecola grassa presente solo nell'avocado, inibisce l'ossidazione incompleta nel muscolo scheletrico e nel pancreas, riducendo la resistenza all'insulina (7Fonte attendibile).


Sono necessarie ulteriori ricerche sull'uomo per stabilire il legame tra avocado e prevenzione del diabete.


Agrumi


Introdurre pompelmi, arance, limoni e lime nella dieta consente di ottenere una parte della dose giornaliera di fibre, vitamina C, folati e potassio.


Frutti di bosco


I frutti di bosco sono ricchi di antiossidanti, vitamine e fibre.


Possono essere un'ottima opzione per soddisfare la vostra voglia di dolce e forniscono un ulteriore beneficio di vitamina C, vitamina K, manganese, potassio e fibre.


Pomodori


A prescindere da come si consumano (passati, crudi o in salsa), i pomodori sono una fonte importante di nutrienti vitali come la vitamina C, la vitamina E e il potassio.


Pesce ad alto contenuto di acidi grassi omega-3


I grassi omega-3 possono contribuire a ridurre il rischio di malattie cardiache e infiammazioni.


I pesci ricchi di questi grassi sani sono talvolta definiti "pesci grassi", quali - ad esempio - il salmone.


Altri pesci ricchi di omega-3 sono le aringhe, le sardine, gli sgombri, le trote e il tonno bianco.


Prediligete pesce cotto alla griglia, al forno o alla piastra per evitare i carboidrati e le calorie extra contenute nel pesce impanato e fritto.


Alle persone con diabete, consigliamo di mangiare pesce (soprattutto pesce grasso) due volte alla settimana.


Noci


Un grammo di noci può essere utile per ottenere grassi sani e aiutare a gestire la fame. Inoltre, offrono magnesio e fibre.


Alcune noci e semi, come i semi di lino, sono un'ottima fonte di acidi grassi omega-3.


Cereali integrali


I cereali integrali sono ricchi di vitamine e minerali come magnesio, vitamine del gruppo B, cromo, ferro e folato.


Sono anche un'ottima fonte di fibre. Alcuni esempi di cereali integrali sono l'avena integrale, la quinoa, l'orzo integrale e il farro.


Latte e yogurt


Forse avrete sentito dire che il latte e lo yogurt possono aiutare a costruire ossa e denti forti.


Oltre al calcio, molti prodotti a base di latte e yogurt sono conosciuti per essere una buona fonte di vitamina D.


Stanno emergendo ulteriori ricerche sul legame tra vitamina D e buona salute.


Il latte e lo yogurt contengono carboidrati, che rappresentano un fattore di pianificazione dei pasti in caso di diabete.


Cercate prodotti a base di yogurt con un basso contenuto di grassi e zuccheri aggiunti.


Semi di chia


I semi di chia sono un alimento straordinario per le persone affette da diabete.


Sono estremamente ricchi di fibre, ma a basso contenuto di carboidrati digeribili.


Infatti, 11 dei 12 grammi di carboidrati presenti in una porzione da 28 grammi di semi di chia sono fibre, che non aumentano la glicemia.


La fibra viscosa dei semi di chia può effettivamente abbassare i livelli di zucchero nel sangue rallentando la velocità con cui il cibo passa attraverso l'intestino e viene assorbito.


I semi di chia possono aiutare a raggiungere un peso moderato perché le fibre riducono la fame e fanno sentire sazi. I semi di chia possono anche aiutare a mantenere la gestione glicemica nelle persone con diabete.


Uno studio che ha coinvolto 77 adulti affetti da sovrappeso o obesità e una diagnosi di diabete di tipo 2 ha rilevato che il consumo di semi di chia favorisce la perdita di peso e aiuta a mantenere un buon controllo glicemico.


Inoltre, è stato dimostrato che i semi di chia aiutano a ridurre la pressione sanguigna e i marcatori infiammatori.


Nuove frontiere nella ricerca


Recentemente, gli scienziati acclamano i risultati "incredibili" del tirzepatide che funziona ben due volte più rapidamente per abbassare la glicemia e aiutare le persone a perdere peso


Secondo i ricercatori, milioni di diabetici potrebbero ottenere risultati che cambierebbero la loro vita grazie al tirzepatide, che agisce imitando gli ormoni che aiutano a controllare la glicemia e a sopprimere l'appetito, aiutando le persone a perdere peso. 


È già stato dimostrato che è più efficace di altri farmaci simili, ma nuovi dati, che saranno presentati a una conferenza medica questo mese, riveleranno che funziona anche fino a 12 settimane più velocemente.


Gli scienziati coinvolti nell'analisi hanno affermato che il farmaco, somministrato una volta alla settimana, sta producendo risultati "superiori a qualsiasi altra cosa disponibile al momento". 


Il tirzepatide imita gli ormoni del corpo che aiutano le persone a sentirsi sazie e soddisfatte dopo un pasto.


Questi ormoni sono spesso a livelli bassi nei pazienti obesi, che tendono a rappresentare la maggioranza dei diabetici di tipo 2.


Oltre ad aiutare le persone a sentirsi sazie, il farmaco contribuisce a tenere sotto controllo il diabete, aiutando l'organismo a evitare i cali di zucchero, a rimuovere gli zuccheri in eccesso dal corpo e a impedire al fegato di produrre e rilasciare troppi zuccheri.  


Risorse consigliate

  1. https://www.diabete.com/

  2. https://www.siditalia.it/divulgazione/conoscere-il-diabete

  3. https://www.diabetesresearchclinicalpractice.com/article/S0168-8227%2821%2900493-9/fulltext

 


SARA BORGHI


Sara si occupa di comunicazione e marketing digitale dal 2010.


Nel 2020 ha completato il corso “Mental Fitness & Wellbeing“ tenuto da Phil Dobson, fondatore di Brain Workshops e autore dell'acclamato bestseller internazionale “The Brain Book: How to Think and Work Smarter”.


È una grande appassionata di montagna, sport e crescita personale.

5 visualizzazioni0 commenti